Aggiunto al carrello
  1. Home Brother
  2. Blog
  3. Trasformazione digitale
  4. 2019
  5. 5 fattori sociali alla base di una nuova era del lavoro
due colleghi guardano un tablet in ufficio

5 fattori sociali determinanti alla base di una nuova era del luogo di lavoro

Gli uffici sono in procinto di trasformarsi al punto da diventare quasi irriconoscibili nei prossimi anni per un motivo principale: le persone che vi lavorano stanno cambiando.

Finora, le prassi lavorative sono state dettate dai modelli radicati nel tempo definiti dalle generazioni passate, ma i cambiamenti demografici e i fattori sociali stanno mettendo in luce le nuove esigenze.

Quali sono queste forze di cambiamento?

 

Le generazioni più giovani che dominano il posto di lavoro

In procinto di riformulare il lavoro, la generazione di fine millennio (Generazione Y), di nati tra il 1980 e il 2000, rappresenterà più del 75% della forza lavoro entro il 2025.1 Gli appartenenti a questa generazione occuperanno sempre più ruoli manageriali e nel consiglio di amministrazione, mentre anche la più giovane Generazione Z, di nati tra il 2000 e il 2009, aumenterà la sua presenza. 
Questi giovani lavoratori, cresciuti con internet, tablet e smartphone, nutrono forti aspettative digitali. Vivono immersi in una cultura dell'immediatezza e desiderano intensamente stimoli creativi e collaborativi. A differenza delle generazioni passate, rifiutano in misura preponderante la gerarchia preferendo modi di lavorare più mobili. 
Soprattutto, hanno uno spirito imprenditoriale, sono a proprio agio nell'assumersi rischi, felici di sfidare processi arcaici e hanno una mentalità da start-up radicale che può scuotere i settori. Il loro ruolo nel plasmare il futuro del lavoro sarà enorme. 

Innalzamento dell'età pensionabile 

Con la generazione Baby Boomer, di nati tra il 1944 e il 1964, che ora va sempre più in pensione, i datori di lavoro di tutto il mondo si concentrano strategicamente sull'attrazione dei dipendenti più giovani. Tuttavia, le aziende dovrebbero essere consapevoli che la corsa al pensionamento è una tendenza a breve termine. 
Il miglioramento della salute, del benessere, della speranza di vita e dell'età media di pensionamento sta aumentando in tutta Europa. Alcuni paesi stanno persino indicizzando l'età pensionabile futura sull'aspettativa di vita2. In un cambiamento che diventerà più consistente decennio dopo decennio, si prevede che i lavoratori che attualmente hanno più di 20 e 30 anni saranno assunti a 70 anni. 
Pertanto, i datori di lavoro dovrebbero prepararsi a uffici composti da risorse di cinque generazioni diverse in cui i ventenni e i settantenni lavorano abitualmente insieme. Una programmazione anticipata garantirà che questi due gruppi demografici non si scontrino, ma si completino a vicenda condividendo competenze e conoscenze attraverso la collaborazione.

 

La globalizzazione e il personale in movimento

Le nostre esigenze personali in evoluzione stanno creando maggiori libertà che hanno un enorme impatto sul luogo di lavoro. 
Che si tratti di lavorare a distanza, di lavorare meno ore, di condividere il congedo parentale o di prendere più vacanze, i dipendenti possono trovare sempre più spesso un modo per soddisfare le loro esigenze finanziarie e di stile di vita.  La tecnologia si traduce nella disponibilità di un maggior numero di opzioni per le persone. È possibile lavorare come freelance, effettuare la condivisione del lavoro, lavorare part-time, cambiare carriera, cogliere le opportunità della globalizzazione o creare un'impresa per allineare i propri obiettivi finanziari con il proprio stile di vita.  Pertanto i datori di lavoro dovranno impegnarsi maggiormente per mantenere il personale soddisfatto o rischiano di perderlo. 

Diversità nell'impresa 

Secondo la Banca mondiale, le donne rappresentano il 45,9% della forza lavoro attiva nell'Unione Europea.3 Mentre la crescente presenza femminile ha avuto un effetto estremamente positivo sul lavoro, sulla produttività e sull'impresa, purtroppo non ha avuto un impatto simile sull'ambiente di lavoro. L'uguaglianza di genere non è l'unica opportunità in questo contesto. L'innovazione del design potrebbe abbattere i pregiudizi nei confronti di persone con disabilità per sfruttare i talenti dei dipendenti con problematiche come la dislessia, l'autismo e le disabilità fisiche. La pressione esercitata sulle aziende affinché non si limitino ad adeguarsi, ma accolgano e abbraccino queste diverse esigenze, è in crescita di anno in anno. Dopo tutto, chi vuole lavorare per un'azienda in cui tutti sono identici?

La legislazione costringerà i datori di lavoro al miglioramento continuo

Un ulteriore impulso a ciascuno dei suddetti fattori sociali sarà il graduale avanzamento verso il miglioramento della legislazione relativa al luogo di lavoro. 
Gli sforzi per allineare il tenore di vita dei lavoratori europei vedranno inevitabilmente i legislatori prendere in prestito idee che sono state comprovate a livello internazionale. Degli standard minimi potrebbero essere applicati ad una serie di fattori di benessere come l'illuminazione, il comfort delle sedie e il tempo trascorso a guardare gli schermi. 
Questo in combinazione con la valutazione della connettività in ufficio e misure di accreditamento, che facilitano le imprese e i liberi professionisti nella scelta dei locali migliori. 
Anche se tutto questo è fantastico per i dipendenti, le aziende dovranno essere in prima linea per quanto riguarda la conformità. 

 

 

 

Fonti:
1 Quocirca Print 2025: Millennial’s Matter report (www.print2025.com)
2 Morey Smith: The Future of the Workplace (www.moreysmith.com/what-will-offices-be-like-in-2025)
3 World Bank, Labor force, female (https://data.worldbank.org/indicator/SL.TLF.TOTL.FE.ZS)

Scopri di più di Trasformazione digitale

Ti potrebbe interessate

Error: Generic Text label 'Back to top' doesn't exist (Site: 'MAIN-IT').