Brother logo
Recupero rifiuti da apparacchiature elettroniche

Legislazione sui rifiuti

Siamo un'azienda responsabile nella tutela ambientale e rispettiamo le tre normative europee fondamentali sui rifiuti:

  • La direttiva sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE)
  • La direttiva sulle batterie
  • La direttiva sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi

La direttiva RAEE

RAEE è l'acronimo di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. La direttiva RAEE 2002/96/EC fa parte della legislazione europea, entrata in vigore nel febbraio 2003. È stata poi aggiornata con la Direttiva 2012/19/UE ed è stata attuata con il Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014. Essa ha come obiettivo quello di incoraggiare le persone a smaltire correttamente le apparecchiature elettriche ed elettroniche, in modo da consentirne il riciclo ed evitare che vengano conferite tra i rifiuti indifferenziati.
La direttiva prevede il raggiungimento degli obiettivi fissati per la raccolta, il recupero e il riciclo di tutti i tipi di dispositivi elettrici. Il fine ultimo è ridurre la quantità di rifiuti elettronici che vengono conferiti in discarica e indurre i produttori a progettare i propri prodotti tenendo conto della tutela dell'ambiente.

Per Brother cosa significa la direttiva RAEE?

Significa che la progettazione dei nostri prodotti avviene in modo tale che i materiali possono essere facilmente separati in vista del loro recupero e riciclo alla fine del ciclo di vita. In base alla direttiva RAEE, abbiamo la responsabilità di ritirare e riciclare i prodotti che raggiungono la fine del loro ciclo di vita in ciascuno dei Paesi europei in cui operiamo. La direttiva prevede che dobbiamo predisporre dei sistemi per la raccolta di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Quale processo viene adottato?

Ciascuna delle nostre strutture di vendita in Europea è impegnata a rispettare la direttiva RAEE nel rispettivo Paese. Ogni struttura di vendita fa parte di un ente responsabile della conformità o partecipa a un programma nel proprio Paese. Le organizzazioni che si occupano della conformità recuperano e riciclano le apparecchiature RAEE a nome delle aziende, per soddisfare i requisiti e raggiungere gli obiettivi previsti dalla direttiva RAEE.

La direttiva sulle batterie

La direttiva sulle batterie 2006/66/EC è una norma europea entrata in vigore nel mese di ottobre 2008. Essa si colloca sulla scia della direttiva sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE). La direttiva sulle batterie mira a ridurre le minacce rappresentate per l'ambiente da parte delle batterie, specialmente quelle che contengono materiali pericolosi come piombo, cadmio e mercurio. L'obiettivo della legislazione è aumentare la percentuale di batterie riciclate. Il miglioramento dei metodi di raccolta e riciclo delle batterie esauste consentirà di porre fine ai danni ambientali e all'esaurimento delle risorse naturali.

Per Brother cosa significa la direttiva sulle batterie?

Significa che abbiamo la responsabilità di predisporre un sistema per la raccolta, il trattamento e il riciclo delle batterie usate nei nostri prodotti.

Quale processo viene adottato?

Ciascuna delle nostre strutture di vendita in Europa è impegnata a rispettare la direttiva sulle batterie nel rispettivo Paese. Ogni struttura di vendita fa parte di un ente responsabile della conformità o partecipa a un programma nel proprio Paese con l'intento di raggiungere questo obiettivo. Le organizzazioni e i programmi che si occupano della conformità recuperano e riciclano le batterie a nome delle aziende, per soddisfare i requisiti previsti dalla direttiva

Direttiva sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi

La direttiva 94/62/EC sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi è entrata nella legislazione europea nel 1994, per regolamentare le attività di imballaggio e promuovere il riciclo.
 
Essa si concentra su quattro aspetti della gestione dei rifiuti:

  • Prevenzione
L'imballaggio va progettato nel modo più efficace e rispettoso dell'ambiente possibile, in modo che vi sia una quantità minima di rifiuti da smaltire.

  • Riutilizzo
I produttori hanno la responsabilità della riconsegna dei rifiuti da imballaggi. Gli imballaggi necessari vanno riutilizzati per i prodotti futuri.

  • Riciclo
Se l'imballaggio non può essere riutilizzato, i produttori devono riciclare i componenti dell'imballaggio per usarli in futuro

  • Recupero
Se l'imballaggio non può essere riciclato, la direttiva non consente di gettarlo in discarica o di riciclarlo come combustibile.

Per Brother cosa significa la direttiva sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi?

Facciamo in modo che i nostri imballaggi siano progettati per essere il più possibile rispettosi dell'ambiente, al fine di ridurre al minimo l'impatto ambientale.
Significa che abbiamo la responsabilità di predisporre un sistema per la raccolta e il riciclo di rifiuti da imballaggi utilizzati nei nostri prodotti.

Quale processo viene adottato?

Ciascuna delle nostre strutture di vendita in Europea è impegnata a rispettare la direttiva sugli imballaggi e i rifiuti da imballaggi. Ciascuna di esse fa parte di un ente responsabile della conformità nel proprio Paese con l'intento di raggiungere questo obiettivo.
Le organizzazioni che si occupano della conformità recuperano e riciclano i rifiuti da imballaggi a nome delle aziende, per soddisfare i requisiti previsti dalla direttiva.